marshall

venerdì, aprile 03, 2009

Inconcepibilità di uno sciopero

Reuters riporta una notizia che ha dell'inconcepibile: si riferisce allo sciopero di domani e alla motivazione addotta da Franceschini per parteciparvi.

ROMA, 3 aprile (Reuters) - Smentendo le previsioni di diversi osservatori, il segretario del Pd Dario Franceschini ha annunciato oggi che domani parteciperà alla manifestazione nazionale della Cgil contro il governo, accusato di non fare abbastanza per affrontare la crisi economica. "Domani - ha detto oggi il leader democratico parlando ai giornalisti - ci sarò, andrò alla manifestazione"."Uso le parole di Gordon Brown: dove c'è un disoccupato, un povero, qualcuno che perde il lavoro, non può non esserci un progressista al suo fianco. Noi dobbiamo essere lì e io andrò alla manifestazione".La protesta di domani a Roma è organizzata dal solo sindacato di Guglielmo Epifani, in dissenso con Cisl e Uil, che a gennaio hanno firmato invece l'accordo col governo sul nuovo modello contrattuale.Oggi Raffaele Bonanni, numero uno della Cisl, ha definito quella della Cgil "una manifestazione elettorale. Tutta politica e per niente sindacale". (*)

A parte il fatto che non riesco a concepire fuoruscite di certi buontemponi, a riguardo di certe motivazioni che vengono addotte per proclamare certi scioperi, è altresì incomprensibile la ragione adottata da Franceschini per motivare la sua adesione a detto sciopero.
Che affianchi pure i disoccupati, ma poi si metta in pista per crear loro un lavoro stabile e duraturo, e li metta nelle condizioni di vivere decorosamente. Si accorgerebbe, allora, come, passando dalle parole ai fatti, comincerebbero problemi e dolori di pancia assai seri: manifestare solidarietà e buonismo a parole, son capaci tutti, poi, però, ci vogliono fatti concreti. E lì casca l'asino!
Fa bene Bonanni a smarcarsi dal gruppo dei perditempo.

(*) dal sito di Fineco Bank.

13 Comments:

  • Le elezioni sono imminenti... da qualche parte, qualche voto dovrà pur recuperarlo.

    By Anonymous Elly, at 3 aprile 2009 15:49  

  • Elly,
    giusta osservazione, la tua. E non a caso ho terminato con il "qui casca l'asino!".
    Ciao.

    By Blogger marshall, at 3 aprile 2009 18:51  

  • sai che non mi piace berlusconi però a sinistra riescono a fare anche peggio...

    per carità, è giusto che facciano opposizione (!) ma scendere in piazza ora con la sola cgil è un modo di sostenersi e legittimarsi vicendevolmente più per opportunità personale che per reale esigenza degli italiani

    By Blogger LL, at 3 aprile 2009 20:05  

  • Luca L.,
    noi che ci intendiamo anche di economia e finanza (e come se ci intendiamo!), comprendiamo quanto siano "campate in aria" le pretese di Franceschini e della Cgil; a meno che non si voglia spogliare e defraudare i "ricchi" per dare i loro beni ai poveri.
    Ma è proprio lì che cascherebbe l'asino! In talo caso, cosa darebbero loro da mangiare se non mattoni, cemento, opere d'arte ecc.? Ci vuol ben altro per saziare le pance!
    E' lì che cascan gli asini!
    E quindi, Berlusconi è proprio il minore del minore dei mali, come sono in tanti ad affermarlo, e come dirà la storia.

    p.s.
    penso che quell'altro tuo blog si voglia occupare proprio di queste problematiche: fuori le idee! E buon lavoro.
    Ciao.

    By Blogger marshall, at 4 aprile 2009 11:52  

  • Marshall
    mi sembrava di averti fatto un commento su questo post,ma non lo vedo. boh

    Esiste una legge che si chiama dei grandi numeri

    In pratica se tutti gli italiani danno 10 euro ad uno solo questo riceve 600 milioni di euro, che è una bella cifra.
    Ma se uno ha 600 milioni e li vuol distribuire a tutti,a ciascuno tocca 10 euro che è una miseria.
    Penso che la matematica non sia proprio conosciuta dai politici,

    oppure fanno gli gnorri.....

    ciao
    Marcello

    By Blogger aquaeductus, at 4 aprile 2009 13:15  

  • sì, proprio così, il core business di

    http://pensierorganizzato.blogspot.com/

    permettimi la marchetta ;-)
    vorrebbe essere proprio quello.


    ps: su franceschini & cgil preciso che non voglio nemmeno prendere in considerazione le loro proposte pseudo economiche locali (sintetizzabili in più soldi per tutti presi non si sa bene dove) di fronte alla crisi globale.

    sono lì per girare uno spot pre-elettorale con l'obiettivo di fare vedere una pseudo unità di sinistra facendo da contro-altare all'altro grande spot di settimana scorsa che ha avuto per scusa la nascita del pdl e organizzato dalla controparte.

    ecco, rincorrere berlusconi su questi campi è da sciocchi, perchè è certamente perdente in quanto il berlusca in queste cose (spot, capacità di comunicazione mediatica) è il numero uno.
    poi che possa apparire simpatico o meno per questo (e ribadisco, a me "simpatico" in senso lato non è) è un altro discorso.

    buona domenica!

    By Blogger LL, at 4 aprile 2009 14:18  

  • Marcello,
    strepitoso questo aneddoto, che denota anche una grande capacità di sintesi, nell'insegnare cose elementari, ma fondamentali per il buon vivere civile di una comunità, come di una nazione, o di un popolo. Sai chi l'ha coniato? Perchè dovrebbe essere candidato al nobel per la Pace e per l'Economia (ammesso che non l'abbia già avuto).
    ----
    Sto leggendo Il Consiglio d'Egitto, di Leonardo Sciascia, che tratta della grande impostura messa in atto dall'Abate Vella, per favorire i suoi "protettori" (e lui vivere così di rendita alle spalle di questi "gonzi"). E la motivazione addotta da Franceschini, il quale afferma che il governo Berlusconi non stia facendo nulla per contrastare questa crisi, mi sembra una grande "impostura", come quella inscenata dal Vella.
    -----
    Ho già dato un'occhiata al tuo blog "aquaeductus", e lo reputo "molto" interessante.
    Volevo lasciare un commento al post di Maria, che ha recensito un articoli da Il Foglio, che tratta della politica ambientale di Obama, la quale è sempre più simile a quella di Bush, ma non mi è stato possibile perchè non prevede i commenti. Ad ogni modo, quell'articolo mette in chiara evidenza come non sia facile passare dalle parole ai fatti. E, checchè ne dicano i detrattori di Berlusconi, solo lui era riuscito nell'intento di ripulire Napoli dalla spazzatura, nei 100 giorni che aveva promesso in campagna elettorale! Il resto sono solo chiacchiere "rilassanti" da bar.
    Ciao.

    By Blogger marshall, at 4 aprile 2009 14:54  

  • Beh, è evidente che la politica della CGIL è e rimane sempre quella dello "scontro sociale" strumentale e demagogico fine a sé stesso. Fare uno sciopero contro la crisi economica è come farlo contro il maltempo.
    Franceschini a corto di idee, si adegua.

    By Blogger Nessie, at 5 aprile 2009 01:02  

  • Luca L.,
    ho risposto privatamente al tuo terzo commento.
    Ciao.

    By Blogger marshall, at 7 aprile 2009 23:15  

  • imparato molto

    By Anonymous Anonimo, at 29 novembre 2009 11:32  

  • imparato molto

    By Anonymous Anonimo, at 29 novembre 2009 11:45  

  • La ringrazio per Blog intiresny

    By Anonymous Anonimo, at 29 novembre 2009 11:58  

  • Si, probabilmente lo e

    By Anonymous Anonimo, at 29 novembre 2009 12:07  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home


 

Heracleum blog & web tools