marshall

giovedì, maggio 23, 2013

23 maggio 1992

Statua di Sciascia a Racalmuto - da Wikipedia - autore Davide Mauro

Giornata buia quella del 23 maggio di 21 anni fa: con La strage di Capaci l'Italia sembrava ritornare indietro di 20 anni, al periodo degli Anni di piombo. Nella strage, compiuta dalla mafia, perirono il magistrato Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e tre agenti della scorta, Antonio Montinaro, Rocco Dicillo, Vito Schifani.
Anni prima un grande scrittore descriveva cosa fosse la mafia moderna nel suo più celebre dei romanzi: Il giorno della Civetta. Romanzo divenuto famoso anche per quella frase messa in bocca al boss don Mariano: "gli uomini si dividono in cinque categorie: uomini, mezzi uomini, ominicchi, piglianc*lo, e quaquaraquà".

Chi volesse risentire la celebre frase, interpretata da Orso Maria Guerrini, non ha che da sintonizzarsi questa sera su Rai5, dove, dal Teatro di RacalmutoSebastiano Somma, e il regista Fabrizio Catalano - nipote di Leonardo Sciascia - metteranno in scena Il giorno della civetta, uno spettacolo che da tre anni sta facendo il giro dell'Italia.


 

1 Comments:

  • E poichè le disgrazie non vengono mai sole, dopo le bombe che uccisero Falcone, la moglie e la scorta, ecco Scalfaro presidente della repubblica.

    By Blogger Massimo, at 23 maggio 2013 18:19  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home


 

Heracleum blog & web tools