marshall

venerdì, luglio 23, 2010

Allarmismi sulla nuova tangentopoli

Ci risiamo con la storia della corruzione stile primi anni '90, e a predicarlo questa volta è Massimo D'Alema, come risulta dall'articolo del Corriere, dal blog di Eleonora.
Ricordiamoci però che all'epoca di tangentopoli le procure indagarono sulle segreterie di tutti i partiti - DC, PSI, PRI, ecc - tranne che su quella del PCI, davanti alla quale si fermarono. E non è che nel PCI siano stati, o siano tutti santi o cittadini modello. In questi 18 anni, dal '92 ad oggi, ho avuto bisogno di far fare lavori da artigiani o da dopolavoristi, molti dei quali comunisti dichiarati, o che dissimulavano molto bene di essere comunisti, antiberlusconiani. Ebbene, nessuno di questi ha mai rilasciato spontaneamente fattura o ricevuta fiscale, se non dietro vigorosa richiesta. E quando veniva richiesta mi trovavo di fronte a richieste esose o maggiorazione di prezzi, oltre all'IVA dovuta. OK, la è corruzione, ma qua è evasione bella e buona, oltre che a presa per i fondelli per i clienti; e credo che il danno erariale sia ancora maggiore.

Sempre nell'articolo, D'Alema tira in ballo la P3. Ma cos'è? Qualcuno me la vuole spiegare, poichè dall'articolo di Alexander Stille, che doveva parlare di P3, non ci ho capito un acca?

11 Comments:

  • Marshall
    la P3 è semplicemente una bufala inventa ad arte per colpire il PDL
    In quanto a corruzione vorrei sapere come ottengono gli appalti la lega delle cooperative in toscosoviet ed emiliasoviet.
    La domanda è retorica perchè lo sappiamo benissimo....e chi di dovere fa finta di niente
    ciao
    Sarc

    By Anonymous sarcastycon, at 24 luglio 2010 00:23  

  • Bhe, visto che Sarc tira in ballo le coop, non ricordo esattamente dove ma anche ultimamente c'è un bel contenzioso (che dura da decenni) di esselunga contro coop. E chissà come mai, in certi posti, esselunga non può crearsi i suoi supermercati. E così con tutto il resto. Eppure, come sappiamo, i magistrati si guardano bene dall'indagare sui... rossi. Altro che P3.

    By Anonymous Elly, at 24 luglio 2010 14:42  

  • Elly, e Sarc.,
    a proposito della Esselunga che, a quanto pare, non può cosruirsi i supermercati dove vuole, conosco tale storia solo per linee sommarie. Se me la raccontaste o se mi segnalereste qualche link, ne leggerei la storia con piacere.
    Dunque, credo d'aver sentito un accenno di tale storia a Radio Padania, ma in modo frammentato.
    Pare che Caprotti avesse comprato, anni or sono, un vasto appezzamento di terreno dalle parti di Modena, un'area geografica, guarda caso, sotto il "dominio assoluto" delle Coop rosse. Pare che Caprotti fosse ora intenzionato ad aprirvi un grande centro commerciale, creando così, tra l'altro, nuova occupazione giovanile per qualche centinaio di addetti; e aprendo la zona alla "vera" concorrenza dei prezzi. Ma quelli delle Coop pare siano talmente radicati (E IMMANICATI) con le giunte locali (tutte di coloro rosso "vivo") da essere "riusciti" a far passare quell'area del Caprotti in AREA VERDE destinata a parco pubblico.

    Ora, va bene per il verde, che tutti amiamo, ma credo si stia perpetrando una grande PORCATA ai danni del "povero" Caprotti.

    Se la storia non sta in questi termini, spero che qualcuno mi corregga. Francamente lo spererei. Tramuterei così questo scritto nella trama di un bel racconto estivo. In caso contrario...altro che porcata!!

    By Blogger marshall, at 24 luglio 2010 15:52  

  • C'è il libro in verità che io lessi qualche anno fa, lì c'è tutta la storia. Nel frattempo ti lascio il link del sito.

    http://www.falcecarrello.com/

    Non ho sottomano il libro in questo momento, ma credimi, vale la pena di comprarlo. Costa pochissimo ed è dettagliato alla precisione.

    By Anonymous Elly, at 24 luglio 2010 17:16  

  • Ah, ops, dimenticavo questo:

    http://www.ilgiornale.it/interni/esselunga_contro_comune_modena_e_coop/18-07-2010/articolo-id=461740-page=0-comments=1

    By Anonymous Elly, at 24 luglio 2010 17:19  

  • Elly,
    grazie. Di tale libro ne avevamo già parlato diffusamente in giro per i blog, uno o due anni fa; ora, con la piega che sta prendendo la scabrosa vicenda (totalmente a sfavore di Esselunga), il libro Falce e Carrello diventerà nuovamente di grande attualità.
    Intanto vado a leggere l'articolo del Giornale.
    Ciao.

    By Blogger marshall, at 24 luglio 2010 22:14  

  • Elly,
    ho letto l'articolo del Giornale. L'unica vistosa discordanza col mio commento precedente è che il terreno è stato destinato a residenziale e terziario, non a verde. Ma checchè ne dicano gli attori in causa, sindaco e Coop Estense, la vicenda mi fa pensare a parecchio marcio e numerosi intrallazzi esistenti. Non si vede infatti cosa se ne faccia la Coop degli 8.834 mq pagati 2.600.000 (presumo) lire al mq. contro i 44.820 mq pagati da Esselunga 540.000 al mq. nel 2000.
    Entrambi non potrebbero fare nulla con le rispettive aree comprate. Ma gli 8834 mq acquistati da Coop, che suppongo ne siano stati dissanguati, a me dà giusta l'impressone che han voluto mettere i bastoni fra le ruote di Esseluga.
    Buttare così i soldi! Si vede che a Modena le Coop hanno ampi margini di guadagno. E d'altronde, se non hanno concorrenti sulla piazza, li possono fare, a danno, ovviamente, dei consumatori che non hanno altre possibilità d'acquisto.

    By Blogger marshall, at 24 luglio 2010 22:48  

  • Altra notizia su coop e esselunga.

    http://www.ilgiornale.it/interni/coop_blinda_anche_toscana_esselunga_fuori/26-07-2010/articolo-id=463402-page=0-comments=1

    By Anonymous Elly, at 26 luglio 2010 09:33  

  • Altra notizia su coop e esselunga.

    http://www.ilgiornale.it/interni/coop_blinda_anche_toscana_esselunga_fuori/26-07-2010/articolo-id=463402-page=0-comments=1

    By Anonymous Elly, at 26 luglio 2010 09:33  

  • Cio’ che accadde nei sedici anni successivi all’entrata in politica di Berlusconi (indotta appunto dall’esperienza di Tangentopoli ) ce lo ricordiamo quasi tutti. La guerra tra gli Zar della finanza globale (la cui arma principale e’ la UE) e la Trimurti “italiana” (Vaticano, mafie, parte dell’establishment USA) degenero’ nella compravendita sempre piu’ sfacciata di uomini, cariche e brandelli sparsi di potere locale.
    Altro da registrare? Non mi pare.

    Oltre ogni piu’ pessimistica previsione, la seconda repubblica si e’ rivelata, a conti fatti, peggiore della prima. Ma destino vuole che oggi si sta aprendo una stagione sociale e politica molto simile a quella che produsse Tangentopoli (o Mani Pulite che dir si voglia). Abbiamo un’altra chance.

    TNEPD
    http://tnepd.blogspot.com

    By Blogger TNEPD, at 3 dicembre 2010 10:11  

  • TNEPD,
    e quale sarebbe la nuova chance?
    Quella del trio Casini- Fini - Rutelli che non han mai fatto niente di niente nella vita? Sempre a ruota di qualcuno?
    Oppure di quelli del quintetto che scala i tetti per solidarizzare con gli studenti? CHE SCIALBUME! E poi, solidarizzare per che cosa?... Perchè non gli è bastato il miliardo in più per la scuola, sottratto però ad altri settori, ad esempio a quello dei malati cronici, dei quali faccio parte, e che ora devono pagarsi il tiket per medicine che hanno sempre avuto in esenzione?
    Dalla tua sigla mi sembra che sei del PD, e sai che ti dico: ben venga Renzi. Quello è il nuovo, quella è una boccata d'aria fresca pura, se non si lascerà assorbire dagli ingorghi dei politicanti del suo schieramento incancrenito. Non esce un'idea concretamente realizzabile da quello schieramento fossilizzato solo sull'antiberlusconismo: che si sveglino! idee, idee! E fa allora bene Renzi a scagliarsi vivamente contro la Finocchiaro, del suo stesso partito, che è lì incollata a quella poltrona da 25 anni!. Io, contrario al PD perchè non ci vedo nessuno di buono, arrivo talvolta ad ammirare questo giovane per il suo coraggio e per le sue idee veramene innovative; starò a vedere se alle parole seguiranno fatti!

    By Blogger marshall, at 3 dicembre 2010 14:57  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home


 

Heracleum blog & web tools