marshall

domenica, marzo 29, 2015

La carta del canone

Si avvicinano le regionali, e Renzi, da buon toscano, credendo che solo lui sia il furbo e tutti gli altri una massa di pecoroni, sta meditando ad un'altra delle sue furbate: guarda alle elezioni e gioca la carta del canone, come fu per gli 80 euro.
Capito il furbo! Questo è un furbo. Questo s'è fatto bene i conti e solo con queste furbate può sperare di raccattare voti dalla platea dei creduloni e disinformati.
Poveri gonzi, costoro, che gli credono e gli hanno creduto. E ne conosco tanti di tali gonzi creduloni - salvo che poi, toccati nel portafoglio, se ne sono pentiti amaramente. Lo confesso, io stesso stavo per cadere nella trappola delle promesse di Renzi. Perché intanto, con la scusa della redistribuzione dei redditi, ci ha riempito di nuove tasse per finanziare gli 80 euro che avrebbero dovuto rilanciare il commercio, e quindi l'economia. Come se non bastassero quelle che già c'erano, sono state inventate nuove tasse, e non è finita lì.
Ma le persone dotate di cervello, credo non si faranno più abbindolare da questi giochetti.
Renzi, per essere nuovamente credibile al centopercento, ha una sola possibilità: dare piena attuazione alla spending review, inventata da Monti nel 2012. Una riforma tanto attesa, che risolverebbe tante cose.

Ma sarà dura per lui. Solo lì si vedrebbe la sua nobilitate.

1 Comments:

  • Renzi, come tutti i parvenu, non ha alcuna goccia di nobiltà. nel significato etimologico del termine. E' solo un furbetto fiorentino che è riuscito a metterlo nel fondoschiena di un gruppo di funzionari di partito ideologizzati e votati alla tristezza e adesso cerca di fare altrettanto con 60 milioni di Italiani. Poichè furbetto è furbetto, si è alleato con le consorterie finanziarie internazionali che gli reggono il moccolo, finchè sarà loro utile.

    By Blogger Massimo, at 29 marzo 2015 13:38  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home


 

Heracleum blog & web tools