marshall

martedì, giugno 16, 2009

Ingratitudine.

La protesta di oggi dei terremotati abruzzesi davanti a Montecitorio, fa pentire quanti si sono prodigati per loro, e quanti hanno loro inviato offerte per la ricostruzione. Al sentire notizie di tale tenore, chi finora ha provato sentimenti di vicinanza con costoro, ora ne sente ripugnanza per l'ingratitudine di cui si fanno manifesti.
Ho una certa età e ho visto dal vivo l'alluvione di Firenze, i terremoti del Belice, dell'Irpinia e del Friuli. Mai, quei terremotati e alluvionati hanno potuto godere e beneficiare di tante attenzioni, premure, aiuti a cascata come in questa occasione. Sentire poi che "tante donne abruzzesi stanno preparando per il presidente del consiglio Silvio Berlusconi, un'accoglienza indimenticabile per il G8, che tutto il mondo potrà vedere", fa proprio cader le braccia.

E' capitato a loro, come poteva capitare a chiunque altro di noi, ma che loro sembra vogliano approfittare nel volere di tutto e di più dallo stato, questo non va affatto bene. E' come se un malato cronico se la prenda con il mondo per la sua malattia, e, vedendosi poi attorniato di gentilezze e cortesie, pretenda poi da loro fin quasi l'impossibile. Ad un certo punto quel malato verrà lasciato solo e abbandonato al proprio destino.
Il proverbio: "aiutati, che il ciel t'aiuta" è proprio indicato per i malati cronici e per chi ha subito tragedie, come gli abitanti dell'Aquila. Se poi, invece, costoro anzichè essere grati e riconoscenti si fanno sobillare dai fomentatori e dai seminatori di discordie, diventerà peggio per loro, perchè alla fine si ritroveranno soli e abbandonati.

6 Comments:

  • La verità è che dietro di loro c'era Sua Pallidezza Dario Franceschini, che ora è assai preoccupato per i ballottaggi ed è in cerca voti, pescandone tra gli scontenti. E' evidente che una ricostruzione ha una sua tempestica.
    Berlusconi f amale a piegarsi al ricatto del "tutto e subito", secondo me.

    By Blogger Nessie, at 16 giugno 2009 21:36  

  • Davvero, la cosa mi sconcerta un pò. Specie poi quando chiedono, pretendono e otterranno il rimborso anche delle seconde e terze case, per intenderci, quelle di vacanza. Sarò anche cattiva ma, io la prima casa con le mie tasse posso ricostruirgliela agli abruzzesi ma agli altri non mi va mica bene.

    By Anonymous Elly, at 16 giugno 2009 23:56  

  • Quando si fanno promesse che poi non si mantengono è questo quello che succede.

    By Anonymous Frank77, at 17 giugno 2009 12:07  

  • Dopo queste sceneggiate sono contento di non aver contribuito "volontariamente" nemmeno con un centesimo.

    By Anonymous Anonimo, at 17 giugno 2009 21:52  

  • Scusate, non entrando nel merito della questione, mi chiedo solo... perchè Berlusconi lo ha promesso se non era giusto? Perchè fa promesse che secondo voi non è giusto mantenere e poi si rifiuta di discuterle con i terremotati e la stampa impedendo loto di incontrarlo. Ieri, per la cronaca, sono stati tenuti tutti lontani e a differenza del solito non ha abbracciato nessun terremotato. Perchè??? Perchè gli unici soldi certi per il momento sono quelli del gratta e vinci?

    Francesca

    By Anonymous Anonimo, at 18 giugno 2009 11:52  

  • perche' non venite a vedere come stanno veramente le cose invece di pendere dalle labbra di chi detiene l'informazione e fa passare come normalita' quello che qui sta succedendo... non abbiamo visto un soldo dei tanti aiuti che gli italiani hanno gentilmente inviato. Tutto e' stato ingoiato da una vorace macchina, che e' vero nell'emergenza ci ha confortato ma nulla di piu. Le promesse sembrano vane, e cari amici(e' vero ancora non vediamo nulla per la prima) la nostra seconda e terza scasa non l'avete di certo pagata voi erano forze i nostri risparmi o i nostri mutui per dare sistemazione ad un figlio.
    Noi sicuramente con le notre tasse abbiamo contribuito a ricostruire TUTTO in Umbria in Friuli, in irpinia, Vorremmo lo stesso trattamento e non offendeteci non pensiamo di meritarlo.

    By Anonymous Anonimo, at 28 giugno 2009 19:51  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home


 

Heracleum blog & web tools